Agricoltura biologica , il punto della situazione

Agricoltura biologica

I prodotti biologici crescono e crescono. Un trend di grande importanza, la spesa di prodotti biologici, dopo il +9% del 2011, segna un ulteriore +7,3% nel 2012. L’agricoltura biologica non conosce crisi, al contrario, continua a crescere. I dati Ismea/GFK-Eurisko si riferiscono ai prodotti confezionati e messi in vendita nella grande distribuzione, fornendo uno specchio interessante del crescente interesse delle persone nei confronti del biologico.

In particolare nel 2012 si è registrato un boom dei dolciumi e degli snack, +22,9%, e delle bevande analcoliche di qualunque tipo, +16,5%. Dati ancor più rilevanti se si considera che la variazione positiva si riferisce al 2011, anno in cui già si era registrato un boom per i prodotti bio.

Complessivamente l’acquisto di prodotti biologici cresce del 7,3% dopo la crescita del 9% del 2011, con pasta, riso e sostituti del pane che crescono dell’8,9%, i prodotti ortofrutticoli trasformati e non che crescono del 7,8% e i prodotti lattiero-caseari che crescono del 4,5%, mentre per le uova bio l’incremento è più contenuto, pari all’1,9%.

In Italia, le regioni che acquistano più prodotti provenienti dalla agricoltura biologica sono quelle del nord che coprono addirittura il 70% del mercato, quelle del centro il 23% e quelle del sud soltanto il 7%, con le regioni del sud che vedono calare i consumi a differenza delle altre regioni italiane. Ciò nonostante il nostro paese è il maggior consumatore di prodotti bio di tutta europa.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO