Come calcolare il valore di una casa

Come calcolare il valore di una casa

Anche in tempo di crisi, come questo, l’unica certezza finanziaria è sicuramente il valore del “mattone immobiliare”. Questo tipo di mercato è in leggera contrazione negativa, ma resta comunque un caposaldo, una sicurezza, in quanto il suo rendimento rimane costante nel tempo.

Prima di tutto è importante specificare che il valore di mercato di una casa è diverso dal valore catastale, sono due voci differenti che si ottengono attraverso operazione separate, quindi non confondetevi. Per effettuare una stima di un immobile esistono sostanzialmente 3 procedure diverse, che è possibile utilizzare e ve le andiamo ad elencare di seguito, in modo da fornirvi tutti gli strumenti necessari.

Come calcolare il valore di una casa:

il primo è sicuramente quello più utilizzato, cioè rivolgersi direttamente ad un agenzia immobiliare, la quale manderà un addetto a casa vostra il quale vi farà una valutazione in base alla zona, metratura e condizioni in cui si trova l’immobile.

Leggi anche:  Come funziona qualeconviene.it uno dei migliori comparatori economici

Naturalmente cercherà di venderla per conto vostro, ma il nostro consiglio è quello di fermarvi alla valutazione senza firmare nulla.

il secondo metodo invece consiste nell’utilizzare un sito web chiamato:

http://www.calcolailprezzodellatuacasa.it

è un sito web pratico e funzionale il quale vi darà la possibilità di calcolare, in modo approssimativo, il valore dell’interno immobile. Non dovete fare altro che compilare la scheda gratuitamente ed attendere il risultato.

infine il terzo metodo consiste nel calcolo personale dell’immobile, cioè fatto direttamente da voi in base a determinati criteri di valutazione.

Allora prima di partire è necessario segnare i parametri base della casa, cioè la superficie commerciale totale dell’immobile moltiplicata, la quale va moltiplicata per la quotazione media del metro quadro della vostra zona. La superficie commerciale prevede la somma delle superfici interne e di quelle esterne.

Leggi anche:  Astegiudiziarie.it , i beni sequestrati messi all'asta

In sostanza stiamo parlando delle superfici calpestabili interne, che vanno calcolate al 100%, e quelle esterne che vanno calcolate al 25%, cioè balconi e terrazze scoperte, al 35% se coperti, il 15% per quanto riguarda i giardini d’appartamento, il 10% per i giardini di ville o villini. Infine inseriamo quelle di eventuali garage, cantine e box e posti auto coperti vanno calcolati al 75%.

Una volta ottenuto il numero totale dei metri quadri possiamo calcolare un primo valore dell’immobile moltiplicando questo valore per il prezzo medio del metro quadro di zona che naturalmente varia a seconda delle città.

Sul sito dell’Agenzia del Territorio viene messa a disposizione dei cittadini una banca dati con le quotazioni commerciali, ed è disponibile al seguente link:

Leggi anche:  Modulo disdetta contratto di affitto e locazione tra privati

http://www.agenziaterritorio.it/?id=2158

non dovete fare altro che selezionare il comune, la zona di interesse, indicando la destinazione d’uso cioè residenziale, commerciale, terziaria o produttiva.

Il valore che si ottiene, naturalmente, è molto relativo in quanto non esiste una vera valutazione di mercato se non quella a cui è disposta a comprare un potenziale compratore. Infatti il valore può aumentare o diminuire in base a determinati altri criteri come ad esempio:

– la vicinanza ai mezzi pubblici

– supermarket nella zona

– scuole

– parchi pubblici

– periferia o centro

– alta presenza di locali commerciali e quindi di vita notturna

– ecc

Il nostro consiglio finale è quello di fare una valutazione personale dell’immobile e di confrontarla con quella effettuata da un agenzia immobiliare, ma senza firmare nulla, fatevi fare solo una valutazione.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO