Come non pagare il canone Rai 2016 , ecco il modulo

Come non pagare il canone Rai 2016 , ecco il modulo

Se non volete pagare il canone Rai avete a vostra disposizione il modulo per ottenere l’esenzione dal pagamento, naturalmente sempre se ne avete diritto. Di seguito vi proponiamo la guida completa all’esenzione e modulo PDF da inviare. Dal 2016, dopo l’entrata in vigore della Legge di Stabilità, il canone Rai si pagherà con la bolletta della luce il costo è di 100 euro invece di 113, e si potrà pagare in 10 rate a partire da luglio 2016. Però se pensate di non dover pagare il canone e rientrate nelle categorie esentate potete dichiarare all’Agenzia delle Entrate di avere i requisiti per essere esentati dal pagamento del canone Rai. Per farlo sarà sufficiente scaricare il modulo compilarlo in ogni sua parte ed inviarlo alla Agenzia delle Entrate.

Il tutto deve essere inviato tramite raccomandata con ricevuta di ritorno, una dichiarazione all’Agenzia delle Entrate, direzione provinciale I di Torino, da sempre incaricata di gestire il canone RAI. Oppure potrete presentare la dichiarazione a mano, risparmiando sulla raccomandata, presso l’Ufficio delle Entrate più vicino al luogo della vostra residenza. Per presentare la dichiarazione di esenzione al canone RAI, occorrerà il modello predisposto dalla stessa Agenzia delle Entrate: (art. 46 D.P.R.28 dicembre 2000 n. 445 ).

Ecco il modulo:

Versione stampabile: canone_rai_2016_modulo_esenzione_agenzia_entrate

Casi di esenzione dal pagamento del canone RAI

Tra le cause che permettono di essere esentati dal pagamento del canone RAI troviamo: i soggetti con almeno 75 anni di età e un reddito, sommato a quello del proprio coniuge, non superiore a 6.713,98 euro l’anno, non convivente con altri soggetti; soggetti il cui canone sia già stato versato dall’altro coniuge; casa data in affitto in cui la disponibilità del televisore sia solo degli inquilini anche se l’utenza della luce è rimasta intestata al titolare dell’immobile; immobile privo di televisore; seconda casa, il canone RAI dovrebbe essere addebitato automaticamente solo sulle bollette elettriche relative ad abitazioni principali adibite a residenza del nucleo familiare, ricordando che il tributo è dovuto una sola volta per ciascuna famiglia, a prescindere dal numero di apparecchi televisivi o di immobili posseduti.

Sanzioni per chi non paga il canone della RAI

Coloro che non pagheranno il canone RAI saranno dei veri e propri evasori, l’evasore che dovesse pagare la bolletta elettrica scorporando l’importo dovuto a titolo di canone RAI potrà tuttavia essere sottoposto ad accertamento da parte dell’Agenzia delle Entrate, oppure previo controllo da parte della Guardia di Finanza. Qualora venisse accertata l’evasione fiscale, potrà essere applicata una sanzione pari a cinque volte il canone stesso e, in caso di ulteriore inadempimento, l’importo viene iscritto a ruolo e la riscossione affidata a Equitalia. Quest’ultima potrà procedere con i consueti metodi di riscossione, procedendo a pignorare lo stipendio, la pensione, il conto corrente, ecc. e/o il fermo auto.

non pagare il canone

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO