Come smaltire la batteria dei cellulari o smartphone

Come smaltire la batteria dei cellulari o smartphone

Le batteria dei cellulari si sa, contengono sostanze pericolose e per questo è molto importante seguire le giuste regole per il corretto smaltimento del prodotto. Anche le etichette riportare sulla confezione chiedono di non smaltire il prodotto con altri rifiuti domestici.

Dove raffigurati, i simboli chimici Hg, Cd o Pb indicano che la batteria contiene mercurio, cadmio o piombo in quantità elevate e se le batterie non vengono smaltite correttamente, queste sostanze possono causare danni alla salute umana o all’ambiente.

Il Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare ha emanato il DM n. 65 del 08/03/2010, in vigore dal 18 giugno 2010, che ha per oggetto la corretta gestione dei rifiuti elettrici ed elettronici.

Leggi anche:  Mappa cartina sismica Campania

Il decreto regolamenta le modalità semplificate di gestione dei rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche da parte dei distributori e degli installatori di apparecchiature elettriche ed elettroniche, nonchè dei gestori dei centri di assistenza tecnica di tali apparecchiature.

In alternativa, in giro per le nostre città esistono dei contenitori appositi per pile e batterie usate, nei quali vanno gettate, oppure potete contattare il consorzio di gestione dei rifiuti per avere maggiori dettagli.

I distributori devono assicurare al cliente che acquista un apparecchio nuovo, il ritiro gratuito dell’usato. Il ritiro può  essere rifiutato solo se:

Leggi anche:  Come riciclare i fondi di caffè

– Il vecchio apparecchio non è di tipo equivalente.
– Non ha svolto le stesse funzioni del nuovo prodotto fornito.
– C’è  il rischio di contaminazione del personale incaricato [es la batteria perde del liquido].
– Se risulta evidente che il vecchio apparecchio è danneggiato o incompleto.

Inoltre segnaliamo la campagna partita già nel 2007 ed ancora in corso, promossa dal Magis dei padri Gesuiti per la raccolta di cellulari usati che servirà a finanziare progetti di cooperazione e sviluppo nel Sud del mondo. Per info: www.magisitalia.org

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO