Come vengono le blatte?

Come vengono le blatte?

In questo ultimo periodo si è verificata una vera e propria invasione di blatte, ma che cosa sono? Che voi ci crediate o meno sono tra gli animali più antichi della terra infatti ne sono stati ritrovati reperti fossili risalenti a oltre 300 milioni di anni fa. Le blatte sono insetti relativamente larghi e bassi, con zampe larghe che consentono loro di correre molto velocemente, hanno un corpo piatto che permette loro di entrare in crepe e fessure molto strette. Vivono in maniera gregaria e spesso vengono notati quando ormai si sono riprodotti in gran numero.

Che cosa possiamo fare quando notiamo una infestazione di blatte? L’unica soluzione è una disinfestazione professionale, in grado di eliminare l’intero numero di insetti presenti nell’ambiente. Se l’infestazione è molto vasta dovrete chiamare un professionista, in caso contrario è possibile adottare delle soluzioni alla portata di tutti, ma vediamo come fare.

Come vengono le blatte?

La prevenzione gioca un ruolo di fondamentale importanza nella lotta alle blatte e dovrebbe effettuarsi con frequente ricorrenza nel corso dell’anno, specialmente in primavera, a inizio estate e prima dell’accensione del riscaldamento.

Gli interventi devono essere principalmente mirati all’eliminazione di tutti quei residui di cibo che possono fungere da irresistibile attrattiva per gli scarafaggi.

È consigliabile, pertanto, pulire da cima a fondo ogni ambiente in cui viviamo, prestando particolare attenzione all’igiene di cucine e bagni.

Ma non sempre tutti gli accorgimenti che si possono prendere sono sufficienti a contrastare la comparsa di questi ospiti tutt’altro che graditi. In alcuni casi, infatti, è necessario intervenire con soluzioni più drastiche e metodi che, seppur maggiormente efficaci, sono spesso anche piuttosto invasivi. Vediamo quali sono.

Come eliminare le blatte

I rimedi attraverso cui correre ai ripari, nei casi di infestazione da blatte, sono di tre tipi:

  • ricorso a trappole per la cattura;

  • preparazione di miscele di cibo velenoso;

  • utilizzo di insetticidi o disinfestazione.

La prima cosa da fare, una volta accertata la presenza di una blatta, è seguirla per tentare di individuare il suo rifugio, ma soprattutto la sua provenienza: è probabile, infatti, che assieme ad essa ce ne siano anche delle altre nascoste da qualche parte. Anche se è ormai chiaro che il loro canale di diffusione è rappresentato soprattutto da scarichi e prese di ventilazione.

Quindi controllare sotto i mobili e il lavello, dietro il frigorifero e gli elettrodomestici, passando al setaccio perfino gli angoli più reconditi della casa.

Prima di procedere con qualsiasi intervento è buona abitudine, in ogni caso, chiudere tutte le fessure e le crepe presenti nei muri, tra le piastrelle e nel pavimento, con stucco o silicone.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO