Il conto deposito, come sceglierlo e quali sono i migliori oggi

Il conto deposito, come sceglierlo e quali sono i migliori oggi

Il Conto Deposito è uno specifico prodotto bancario che permette di custodire il proprio denaro e di far fruttare i propri risparmi: viene versato sul conto deposito il denaro, ma -diversamente da un conto corrente ordinario- si ottiene un rendimento sulle somme depositate, proprio per l’immobilità delle somme versate (si tratta comunque di un deposito e non di un conto). Dato che le somme che vengono depositate in un conto deposito sono definite “immobilizzate”, si può godere d’interessi ben più elevati rispetto a molti altri prodotti tradizionali e meno retributivi.

Per il risparmiatore non ci sono rischi legati a questa staticità: ogni conto deposito è tutelato e assistito dal fondo interbancario di tutela dei depositi. Inoltre non viene permesso sul conto deposito l’utilizzo di carte di debito (bancomat), carte di credito, domiciliazione di utenze o bollette (RID) o accredito di bonifici (come quello dello stipendio), ma ciò consente tassi d’interesse nettamente superiori ai classici conti correnti.

Leggi anche:  Guida ai Prestiti per Giovani: Compass, Unicredit e Intesa

Un conto deposito consente solo operazioni di prelievo e versamento, attraverso un conto corrente d’appoggio abbinato con cui effettuare questo tipo di movimenti.

A seconda delle singole necessità di risparmio, si potrà decidere se aprire un conto deposito vincolato o non vincolato: nel primo caso l’accesso al proprio denaro avverrà secondo scadenze prestabilite (solitamente in un intervallo di tempo che oscilla fra uno e trentasei mesi, con rendimenti più alti dei conti deposito liberi e crescenti in base ai mesi di vincolo stabiliti), nel secondo la disponibilità del capitale sarà immediata e ripetibile.

Leggi anche:  Segugio.it come funziona il più grande comparatore di prezzi

Le banche spesso non prevedono spese di apertura chiusura o di gestione per i conti deposito, anche se bisogna prestare attenzione alla tassazione che influenza il tasso di rendimento reale: gli interessi attivi sono soggetti a una ritenuta fiscale del 20%.

Alla luce di quanto appena illustrato riportiamo di seguito un panel dei migliori conti depositi attivi, ad oggi, con i tassipiù redditizi, in base al vincolo:

Attuale Miglior Vincolato a 12 mesi:

Deposito Sicuro (3,50%). Banca delle Marche S.p.A., SVINCOLABILE anticipatamente anticipatamente dopo 60 giorni a interessi 0.

Attuale Miglior Vincolato a 18 mesi:

YouBanking (3,50%). Banco Popolare, SVINCOLABILE anticipatamente anticipatamente al tasso base di 0,40%

Attuale Miglior Vincolato a 24 mesi:

Deposito Sicuro (3,50%). Banca delle Marche S.p.A., SVINCOLABILE anticipatamente anticipatamente dopo 60 giorni a interessi 0.

Leggi anche:  Come calcolare il valore di una casa

Attuale Miglior libero:

Deposito Sicuro al 2,75% per 6 mesi. Banca delle Marche S.p.A., SVINCOLABILE anticipatamente dopo 60 giorni a interessi 0.

Attuale Miglior Vincolato a 6 mesi:

Deposito Sicuro (3,20%).Banca delle Marche S.p.A., SVINCOLABILE anticipatamente dopo 60 giorni a interessi 0.

Attuale Miglior Vincolato a 3 mesi:

Conto Fico, al 2,50%. Banca Etruria Società Cooperativa, tecnicamente si tratta di un conto corrente gratuito il primo anno. Successivamente 18 Euro/anno. SVINCOLABILE anticipatamente al tasso base (1,0%).

Per scegliere il Conto Deposito più idoneo alle proprie esigenze, quindi, si tratta di fare una corretta valutazione della propria disponibilità economica, in funzione del vincolo (e del conseguente tasso d’interesse). Una volta chiarito questo aspetto, non resta che recarsi in banca…!

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO