Installare Google Play su Tablet, guida

Installare Google Play su Tablet, guida

Google Play è lo store Online di google dedicato esclusivamente alle applicazioni e libri digitali, sul quale è possibile acquistare o scaricare gratuitamente tutte le applicazioni che desiderate per il vostro smartphone o tablet. Sfortunatamente esistono in commercio dei prodotti che hanno come sistema operativo Google Android, ma non presentano alcuno store installato. In questo caso specifico stiamo parlando di Google Play. Ma niente paura il problema è facilmente risolvibile, infatti se sul vostro tablet non è presente Google Play, potete tranquillamente installarlo manualmente.

Leggi anche:  Come recuperare file da iPhone iPad rotto

Questo capita in quanto c’è una piccola categoria di prodotti, soprattutto tablet i quali vengono etichettati come non sicuri o compatibili, ma si tratta per lo più di logiche di mercato. Di seguito vi illustriamo la procedura guidata passo passo per installare Google Play su un Tablet.

Installare Google Play su Tablet:

la procedura è davvero molto semplice, e si divide in pochissimi passaggi.

– Prima di tutto scarichiamo il file di installazione .apk di Google Play dal seguente link:

http://google-play-apk.softonic.it/android

selezionate la voce Download gratis e continuate fino alla fine. Al termine della procedura troverete il file apk sul desktop del vostro computer.

Leggi anche:  Come chiamare gratis da internet con Evaphone.com

– Ora trasferite il file nella memoria del tablet.

– Ricordatevi di selezionare la voce “Sorgenti sconosciute” dal menu impostazioni

– Aprite File Explorer e selezionate il file apk di Google Play, continuate fino alla fine dell’installazione

Riavviate il dispositivo

Accedete allo store tramite account Google

Bisogna precisare che alcuni dispositivi non sono compatibili con questo tipo di applicazione e potrebbe causare problemi, come ad esempio la chiusura anticipata dell’applicazione. In questo caso potete utilizzare uno dei tanti store alternativi come ad esempio Aptoide.

Leggi anche:  Come aumentare le visite al proprio sito web

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO