Irrigazione fai da te , ecco come realizzarlo

Irrigazione fai da te

Realizzare un impianto non è poi così difficile, basta comprare gli strumenti giusti e  studiare il vostro giardino nei dettagli. Il risultato sarà un impianto semplice e che funzioni. La prima cosa da fare è prendere carta e penna e disegnare una piantina del vostro giardino: se le superfici sono grandi è necessario dividere l’impianto in più zone separate. Righello, compasso e carta millimetrata sono fondamentali. I tubi che comprerete e ai quali andranno fissati gli irrigatori dovranno esseri installati sul perimetro del giardino, così da evitare di danneggiare il prato.

Leggi anche:  Mappa cartina sismica Friuli Venezia Giulia

I tubi dovranno inoltre essere interrati alle base delle siepi, in direzione rivolta verso il giardino. Con il compasso dovrete segnare sulla mappa i semicerchi immaginari delle zone irrigate, e per far si che ogni punto del prato sia annaffiato è bene che i semicerchi si incrocino.

Passiamo alla fase pratica: con una vanga scavate nei punti prescelti alla profondità stabilita dai tubi che avete comprato (di norma si va dai 10 ai 20-25 cm di profondità). In seguito, montate gli irrigatori con due bulloni all’estremità del morsetto.

Leggi anche:  Come riciclare i fondi di caffè

Cercate di puntare sulla qualità durante i vostri acquisti, per non rischiare di dover rifare tutto da capo. Prima di interrare e di concludere il vostro lavoro accertatevi che tutto l’ impianto di irrigazione sia funzionante, così da non dover riscavare in caso di qualche problema. Se tutto funziona, chiudete lo scavo ed ecco un impianto di irrigazione costruto da voi.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO