Produrre energia elettrica con le vibrazioni delle rotaie

Produrre energia elettrica con le vibrazioni delle rotaie

Si sa benissimo che l’epoca dei combustibili fossili sta per finire, infatti si stanno rapidamente avviando all’esaurimento di quasi tutte le più grandi scorte presenti sul nostro pianeta, quindi agire in anticipo ed individuare fonti di energia alternative, rinnovabili e pulite è diventata la nuova parola d’ordine oltre ad una grande e assoluta necessità.

Proprio per questo motivo negli ultimi tempi tantissimi ricercatori si sono messi all’opera per cercare diverse soluzioni a questo pungente problema, non da meno sono i ricercatori dell’Università Stony Brook di New York, sotto la direzione del professor Lei Zuo, i quali hanno messo a punto un sistema in grado di ottenere energia elettrica dalle vibrazioni di qualsiasi genere, ma studiato soprattutto per l’applicazione sulle rotaie dei treni.

Leggi anche:  Lampadine a led , come risparmiare energia elettrica

Avete capito bene, si tratta di un marchingegno che attraverso le vibrazioni genera energia elettrica con le vibrazioni, non gli occorre null’altro.

Naturalmente allo stato attuale di progettazione tali dispositivi generano energia elettrica con le vibrazioni sono ancora allo stato iniziale, infatti creano piccole quantità di energia, ma attraverso una diffusione su larga scala, ed un miglioramento del sistema in grado di generare maggiore wattaggio, si potrebbero produrre elevati quantitativi di energia elettrica assolutamente pulita.

In primo luogo questo tipo di energia potrebbe essere utilizzata direttamente dal trasporto ferroviario stesso, andando così a ridurre il carico di consumo attuale, in secondo luogo questo tipo di sistema potrebbe essere utilizzato in tantissime altre applicazioni, come ad esempio il manto stradale sfruttando le vibrazioni create dalle auto di passaggio per alimentare l’illuminazione, e così via.

Leggi anche:  Mappa Cartina Geografica Sardegna

Il professor Zuo ha effettuato un calcolato approssimativo di circa 10 milioni di dollari di risparmio in consumi elettrici per la sola area metropolitana di New York, grazie proprio all’’installazione di questa tipologia di dispositivo, con una consecutiva e drastica riduzione di oltre 3000 tonnellate di emissioni nocive ogni anno.

Questi dati fanno ben riflettere sulle potenzialità di questa applicazione, non solo in America, ma in tutto il mondo.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO