Sai riconoscere una truffa online? Ecco 5 segnali di allarme

Sai riconoscere una truffa online? Ecco 5 segnali di allarme

Acquistando articoli usati sui siti di annunci si fanno spesso grandi affari e si risparmia un po’ di soldini ma bisogna essere attenti. Ecco 5 dritte per riconoscere un probabile imbroglio.

Il mercato dell’usato è un settore in costante crescita negli ultimi anni e secondo un recente studio vale ormai 18 mld di euro nel Belpaese con il 44% degli italiani che compra o vende oggetti usati. Di queste transazione molte passano per il web, ecco perché può essere utile e vantaggioso rispondere ad inserzione o creare un annuncio sui principali siti Internet. Tuttavia, se vi è la buona probabilità di concludere un vero affare in tutta sicurezza e comodità, non sono poche le truffe che si annidano sul web. Di seguito vi elenchiamo 5 consigli fondamentali per riconoscere un imbroglio online:

Sai riconoscere una truffa online? Ecco 5 segnali di allarme:

1. Rifiutare di incontrarsi di persona
I portali di annunci gratuiti come TrovaloQua.it sono pensati affinché le persone si incontrino con la gente dal vivo e a livello locale per scambiare beni e servizi. Se qualcuno non vuole incontrarsi di persona, allora gli annunci non sono forse il sentiero da perseguire per la compravendita del tuo oggetto/servizio. Se qualcuno afferma di essere all’estero, su una piattaforma petrolifera in Norvegia, un missionario straniero in Africa, un operaio di Greenpeace nell’Artico, ecc.., c’è un rischio molto elevato che si tratti di una truffa. La spiegazione più plausibile di qualcuno che non è in grado di incontrarsi di persona è quella che vi troviate di fronte ad una frode. Quando qualcuno chiede di effettuare una transazione senza essere faccia a faccia, meglio dire di no! Soprattutto è molto sconsigliato usare servizi di trasferimento di denaro come Moneygram o Western Union.

Leggi anche:  Truffa annuncio lavoro da casa , come scoprirla e tutelarsi

2. Affermare che riterranno/spediranno l’articolo o utilizzeranno un servizio di terza parte di deposito a garanzia.
I siti di annunci non sono pensati per transazioni che non siano faccia a faccia, perciò chi vi contatta insistendo che gestirà l’operazione da una postazione remota o tramite un deposito a garanzia, spedizione, o servizio di ritiro allora è altamente probabile che sia un soggetto fraudolento. Se l’annuncio viene caricato su siti italiani, ma poi chi vi risponde sostiene di essere straniero, così come quando le mail recapitate dal venditore sono scritte in un italiano sgrammaticato e maccheronico, è il caso di alzare le antenne.

Leggi anche:  False email dalla banca, come evitare le truffe online

3. Creare un forte senso di urgenza
Se i truffatori pensano che siate titubanti rispetto alla transazione, spesso creano un senso di urgenza in modo da completare il trasferimento subito. Potrebbero fare ciò dicendo che hanno ricevuto un sacco di richieste o che qualcuno è più vicino all’acquistare l’oggetto di voi, o minacciando addirittura azioni legali contro di voi, se non fate ciò che chiedono. Il loro scopo è quello di ingannare l’utente ad agire in fretta, prima che abbiate la possibilità di pensare attentamente ai rischi, o di poter parlare con qualcuno.

4. Usare storie tristi come scuse
I truffatori cercano di manipolare gli italiani più compassionevoli e di buone intenzioni con storie lacrimevoli. Se vi chiedono di fare qualcosa che non sembra del tutto in regola, e vi distraggono dalla richiesta con una storia triste (di solito una lunga), state in guardia. Non date per scontato che qualsiasi accenno a una difficoltà rappresenti una frode, ma se ci sono altri segnali di allarme che fanno coppia con dettagli di situazioni personali, finanziarie, o difficoltà familiari, è molto probabile che si tratta di un tentativo di frode.

Leggi anche:  Piccoli trucchi per evitare spiacevoli sorprese quando si compra online

5. L’accordo è troppo bello per essere vero
Se siete davanti ad uno di quegli affari che vi capitano una volta nella vita e dovete agire in fretta, prima di avere la possibilità di pensare, state all’occhio! Se l’affare è troppo bello per essere vero, probabilmente lo è! Diffidate pertanto di beni venduti a prezzi stracciati, come auto o camper che hanno dei prezzi estremamente bassi. Anche le immagini possono essere rivelatori: leggete l’annuncio con attenzione, se questo è scritto in maniera impersonale o con immagini troppo patinate o estrapolate dal web e descrizioni standard, è il caso di dubitare sulla veridicità dell’inserzione.

Sai riconoscere una truffa online? Ecco 5 segnali di allarme

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO