Svezia il paese europeo che ricicla troppo

Svezia il paese europeo che ricicla troppo

Catarina Ostlund, consigliera dell’agenzia svedese per la protezione dell’Ambiente, ha rilasciato un’intervista alla “Public radio international” asserendo che la Svezia, per far funzionare le proprie macchine a pieno regime ed evitando così di perdere dei soldi ogni anno, è costretta ad importare i rifiuti da altri Paesi europei come la Norvegia, che ogni anno versa negli inceneritori svedesi circa 800.000 tonnellate di immondizia.

Secondo quanto riportato dal “Swedish Waste Management”, Stoccolma ricicla il 36% dei rifiuti domestici totali e a fare di più è solo la Danimarca con il 54%. Grazie a questo smaltimento, la Svezia riesce a produrre il 20% di energia destinata al riscaldamento di tutto il Paese e a fornire elettricità a 250.000 famiglie.

Attualmente in Svezia, solo l’1% dei rifiuti finisce nelle discariche, con un abbattimento netto dell’inquinamento ambientale.

Leggi anche:  Raccolta differenziata , informazioni e dettagli

Però tutto questo processo di smaltimento porta ad una presenza costante e massiccia di polveri inquinanti prodotte dagli inceneritori. Ma la Svezia è all’avanguardia anche in questo, infatti, secondo l’agenzia svedese per la gestione dei rifiuti, il Paese ha rettificato e applicato nel tempo una stretta regolamentazione in termini di limitazione delle emissioni, arrivando così dal 1980 ad oggi ad una riduzione del 90% di sostanze inquinanti.

D’altro canto però, secondo il “Centro nazionale sui rifiuti” il rafforzamento delle norme e dei divieti mostra che è impossibile garantire l’innocuità del processo di incenerimento, perché implica troppe reazioni chimiche. Ai posteri l’ardua sentenza…

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO