Virus Polizia o Guardia di Finanza, ottenere il rimboso

Virus Polizia o Guardia di Finanza, ottenere il rimboso

Purtroppo se siete su questa pagina è perchè avete avuto a che fare con il famoso virus polizia o guardia di finanza, che vi ha fatto credere di essere stati scoperti a violare la legge, chiedendovi di pagare la cifra di 100 euro per sbloccare il vostro computer. In realtà era una truffa vera e propria attuata con l’ausilio di un virus informatico il quale bloccava l’intero computer, sbloccandolo solo dopo il pagamento della cifra di 100 euro attraverso un circuito di pagamento chiamato Paysafecard.

Ed è proprio di questo che vogliamo parlarvi in questo post, infatti dopo una sorta di mea culpa della società che gestisce le transazioni online è stata istituita una pagina web dedicata esclusivamente ai rimborsi per tutti coloro che sono stati truffati con questo sistema.

Leggi anche:  Come bloccare telefono rubato con codice IMEI

La pagina in questione è raggiungibile attraverso il link seguente:

https://customer.cc.at.paysafecard.com/customerrefund/start.seam

ma solo chi è stato realmente truffato può ottenere il rimborso, infatti al fine di elaborare il vostro caso avrete bisogno del vostro contatto, coordinate bancarie e di una copia della paysafecard, dove il numero di serie e il codice pin siano chiaramente leggibili. Il rimborso è possibile solo per i codici pin paysafecard che sono stati acquistatati per il pagamento del virus, e il credito deve essere ancora presente.

Questi i requisiti per la restituzione:

  • Solo i PIN paysafecard utilizzati per il pagamento della “multa virus” sono idonei per la restituzione. Può essere restituito l’importo di due PIN al massimo.
  • La copia del voucher, compresi PIN e numero di serie sotto forma di scansione o di foto, deve essere leggibile.
  • Il valore massimo del PIN non può superare EUR 100.
  • Sono ammessi solo i PIN del valore di EUR 50 o EUR 100. Il saldo deve essere ancora presente.
  • Il bonifico deve essere eseguito su un conto corrente bancario italiano (formato dati: IBAN e BIC).
Leggi anche:  Truffe su Facebook, attenzione a chi aggiungete tra gli amici

Compilate il modulo presente nella pagina ed inoltrate la richiesta, se tutto è andato per il verso giusto allora sarete rimborsati.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO