Aeroporto di Brindisi

AEROPORTO DI BRINDISI O DEL SALENTO

Il nuovo Aeroporto del Salento è una struttura di grande importanza strategica al servizio di un’area molto vasta che comprende, oltre alla provincia brindisina, quella di Lecce e buona parte di quella di Taranto.

L’Aeroporto del Salento assume, nel più articolato sistema di trasporti della regione, un’importanza fondamentale e può considerarsi a tutti gli effetti porto di accesso privilegiato di un territorio a fortissima vocazione turistica. Questa importante struttura consente il sensibile miglioramento degli standard di qualità dei servizi prestati.

Storicamente si è sviluppato a partire dagli anni ’30 con una pista costruita dal Demanio Militare. Lo sviluppo commerciale iniziò subito dopo con la compagnia Ala Littoria, che collegava Brindisi a Roma. Interrotta l’attività nel 1943 per gli eventi bellici, essa riprese regolarmente nel 1947.

Pochi anni dopo la fine della seconda guerra mondiale  l’Alitalia subentrò sulla rotta ed al primo collegamento si aggiunse quello con Catania via Bari.

Sempre nello stesso periodo una nuova aerostazione passeggeri sostituisce la precedente, mentre lo scalo di Brindisi viene utilizzato come scalo per i voli diretti nel Medio Oriente, data la completa momentanea inagibilità di Corfù. Tra gli anni 60 e 70 la seconda pista viene allungata.

Dal 1970 al 1974 la Olympic Airways collega lo scalo con Corfù, mentre nel ’74, con l’introduzione del DC 9/30, l’Ati inaugura il servizio Brindisi–Bari–Genova–Milano Linate. I servizi del gruppo Alitalia durano fino ai giorni nostri, anche se l’Ati subentra all’Alitalia, ma gli unici voli diretti operativi rimangono quelli con Milano e Roma.

Nell’ Aprile 1995 si aggiunge un servizio giornaliero dell’Aliadriatica, con B737, ma poco dopo la compagnia, divenuta Air One, abbandona lo scalo.
Negli anni ottanta le strutture vengono sostanzialmente modificate con l’edificazione di una serie di edifici, tra cui una caserma dei Vigili del Fuoco ed una struttura per il traffico merci.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here