Aruba.it , un incendio causa il peggior Blackout nella storia del web italiano

Aruba.it , un incendio causa il peggior Blackout nella storia del web italiano

Il giorno venerdi 29/04/2011, più precisamente alle 4 del mattino, un incendio alla Webfarm di Arezzo causa il più grande blackout nella storia del web italiano, durato ben 10-11 ore, causando non pochi problemi alla società di hosting, Aruba.

Solo dopo l’intervento dei vigili del fuoco, i quali hanno impiegato 3 ore prima di mettere in sicurezza gli uffici, i tecnici hanno avuto la possibilità di procedere con la manutenzione.

Ecco di seguito i vari bollettini diramati dalla società stessa su quanto è accaduto, prima e dopo l’incendio:

Server Farm Arezzo – 1° Aggiornamento – venerdì 29 aprile 2011 11.25

Si è verificato un principio di incendio nel Powered center della server farm principale che ha coinvolto le batterie degli UPS senza intaccare le sale dati.
Il sistema antincendio si è attivato facendo scattare l’ energy power off togliendo per sicurezza energia all’intera struttura come da procedura.

Confermiamo che le macchine server e le sale dati non hanno subito alcun danno.

Durante le fasi di ripristino e’ stata privilegita la sicurezza delle persone coinvolte prendendoci maggior tempo per ripristinare, in quanto, una riaccensione effettuata senza le dovute verifiche metterebbe in pericolo le persone coinvolte e potrebbe causare nuove ricadute.

in questo momento e’ in corso il ripristino della prima sala dati per la riattivazione dei servizi principali.

Seguiranno aggiornamenti

Webfarm Arezzo – Aggiornamenti 2 – venerdì 29 aprile 2011 12.26

Sono state ripristinate due sale dati su tre.
Il ripristino degli UPS è ancora in corso.
Si comuica pertanto che in caso di interruzione di energia potrebbero verificarsi down imprevisti.
Seguiranno aggiornamenti

Webfarm Arezzo – Aggiornamenti 3 – venerdì 29 aprile 2011 14.42

L’alimentazione è stata ripristinata in tutte le zone delle tre sale dati colpite dal problema.
Maggiori dettagli verranno forniti con apposito comunicato stampa.

Quello che è accaduto dovrebbe far riflettere molto sulla fragilità di certi sistemi, infatti basti pensare che questo incidente alla Webfarm di Arezzo ha praticamente messo fuori servizio oltre 1 milione e mezzo di siti web, causando delle gravi perdite economiche.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here