Asteroide colpisce la Terra , la nuova bufala del web

Tra un mese la Terra sarà colpita da un asteroide che innescherà tsunami distruttivi. L’asteroide in questione è stato identificato dalla Nasa che tiene sotto controllo la sua traiettoria che dovrebbe passare a circa 51 milioni di chilometri di distanza dalla Terra il prossimo 25 febbraio.

L’astronomo Dyomin Damir Zakharovich, catastrofista, ripreso dal Daily Mail ha però diffuso la notizia che la massa impatterà con la Terra il prossimo 16 febbraio e avrà un effetto devastante sulla Terra. La Nasa, consapevole del pericolo, eviterebbe di diffondere la notizia solo per non creare allarmismi.

La Nasa, d’altro canto, rassicura che l’asteroide non rischia minimamente di entrare nella traiettoria della Terra. Senza contare che la massa dell’asteroide non sarebbe poi così spropositata da causare effetti così devastanti sul nostro pianeta.

Asteroide colpisce la Terra , la nuova bufala del web:

Il dottor Zakharovich, insieme ad altri teorici del complotto, allerta anche su un’altra possibile minaccia: pare che il pianeta Nibiru sia stato impostato per colpire il nostro pianeta nel mese di ottobre di quest’anno, attratto dalla forza gravitazionale di una stella binaria, gemellata con il Sole. Quest’ultima teoria non ha però trovato ancor alcun fondamento scientifico.

L’articolo è un semplice copia-incolla di una notizia pubblicata su Libero Quotidiano il 26 Gennaio, che titola: “Un asteroide ci colpirà il mese prossimo: sulla Terra ci saranno cataclismi” e della stessa tendenza dell’acchiappaclick anche Il Gazzettino con “Un asteroide colpirà la Terra”, previsioni choc: “Tsunami distruttivi”. La stessa strategia, ma con più moderazione, è adottata da Blasting News con il titolo Asteroide colpirà la Terra il 16 febbraio causando Tsunami? Cosa dice la NASA.

A darci una risposta è la stessa Nasa in un comunicato del 29 Dicembre 2016. Al suo interno leggiamo che il 2016 WF9 si avvicinerà all’orbita della Terra il 25 Febbraio 2017 ad una distanza, appunto, di 51 milioni di chilometri. A chiare lettere, leggiamo:

L’oggetto non costituisce una minaccia alla Terra per il prossimo futuro.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here