Faretti da incasso, come impreziosire il controsoffitto con eleganza

Per l’illuminazione di un controsoffitto, non c’è soluzione più adatta dei faretti da incasso, che hanno anche il merito di valorizzare lo spazio in modo ottimale. Molteplici sono i vantaggi che li contraddistinguono, e non solo per la loro funzionalità: sono semplici da installare e mettono a disposizione un’illuminazione più o meno discreta, a seconda delle preferenze del padrone di casa. Optando per un corpo esterno di design, per esempio, si ha la possibilità di dare vita a un effetto d’impatto notevole. Ma l’elenco dei pregi dei faretti di incasso non finisce certo qui, e include anche la versatilità: essi, infatti, possono essere integrati con un lampadario o co un corpo illuminante di altro tipo, ma nulla vieta di utilizzarli come fonte di illuminazione unica. Che si voglia distribuire la luce in modo uniforme in un ambiente o che si abbia la necessità di equilibrarla solo in punti particolari, i faretti sono sempre perfetti.

Guida alla scelta

Appurata e verificata la loro utilità, resta da compiere la scelta dei faretti da incasso: in cucina o in soggiorno, ma anche in camera da letto o in bagno, si dimostrano sempre utili, in grado di generare giochi di luce molto piacevoli. Sul mercato se ne possono trovare di tutti i tipi, e di dimensioni differenti: tra le caratteristiche che variano da un modello all’altro, poi, c’è anche la potenza. Per comprare i faretti più adatti alle proprie necessità, è bene tenere conto della destinazione d’uso del locale: i faretti a incasso che sono dotati di luce direzionabile, per esempio, sono perfetti per illuminare i corridoi, e magari per mettere in evidenza dei quadri o delle foto incorniciate che sono appese alle preti.

I faretti per la zona living

In cucina, in sala da pranzo e in soggiorno gli esperti raccomandano di prediligere i punti luce fissi, che consentono di usufruire di una illuminazione omogenea e comunque in grado di far risaltare tutti gli angoli di un ambiente. Passando allo studio e alla camera dei bambini, in cui i piccoli leggono e fanno i compiti, si può ipotizzare di ricorrere a punti luce che diano vita a un’illuminazione abbastanza omogenea. Nel caso in cui si voglia evitare di alterare le tonalità cromatiche degli arredi, sono molto apprezzati i faretti a luce naturale; quelli a led con luce calda, invece, sono perfetti per dare vita a un’atmosfera soffusa e accogliente. Non è detto, comunque, che il led sia la sola opzione da prendere in considerazione in vista di un risparmio energetico significativo: lo stesso obiettivo può essere conseguito anche con le luci al neon o con quelle alogene.

I faretti in gesso

I faretti in gesso sono i migliori per un controsoffitto dal momento che hanno la capacità di inserirsi in maniera perfetta nel supporto a cui sono destinati; dal punto di vista estetico, poi, si mimetizzano con la superficie in cui sono integrati. Ciò permette, tra l’altro, di valorizzare il fascio luminoso. Quadrati, tondi, rettangolari o di altre forme: le configurazioni possibili sono molteplici, e non mancano i design più originali.

Gli altri materiali

Al di là del gesso, sono molti i materiali che vengono adoperati per la realizzazione dei faretti da incasso: il cromo e il nickel, per esempio, sono utilizzati per finiture cromate che si adattano a ogni stile di arredamento, e più in generale i modelli in metallo dimostrano di essere decisamente versatili. Per chi è alla ricerca di una proposta più sofisticata ed elegante, le varianti in vetro sono perfette: contribuiscono, per altro, a generare colorazioni incredibili e riflessi a dir poco sorprendenti, tali da lasciare a bocca aperta per lo stupore.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.