Gadget personalizzati: quali sfruttare, come sfruttarli

Tutti noi prima o poi abbiamo ricevuto un gadget personalizzato. Si tratta di quei piccoli o grandi oggetti che molte aziende utilizzano a scopo promozionale. Si possono di fatto personalizzare oggi oggetti di vario genere, dalle mascherine alle classiche matite. Ci sono poi gadget di uso quotidiano che possono anche essere di alta qualità, come ad esempio borracce per l’acqua o i bellissimi quaderni personalizzati offerti da Maxilia.it.

Il costo di ogni singolo gadget è solitamente abbastanza ridotto, soprattutto per grandi quantitativi. Donare un gadget personalizzato però permette di fare promozione diretta, attraverso i propri clienti e dipendenti.

Creare una connessione con il cliente
Questa è la principale motivazione per cui si sfruttano i gadget personalizzati. Un piccolo dono permette infatti di infondere nel cliente un senso di appartenenza e di affiliazione alla singola azienda. Per altro, nonostante si tratti direttamente di effettivi messaggi pubblicitari, sono percepiti come veri e propri doni, come gesti speciali fatti esclusivamente ad alcuni soggetti particolari. A parte le questioni economiche quindi il gadget riunisce anche alcune risposte emotive che aiutano a migliorare l’immagine della singola azienda presso il cliente. Per altro, spesso si utilizzano anche come piccoli doni per collaboratori, dipendenti e consulenti. Costoro diventano, per certi versi, trasmettitori inconsapevoli del messaggio pubblicitario di un’impresa, che portano con sé ovunque, spesso mostrando l’oggetto ad amici e parenti.

L’importanza di un gadget di qualità
Detto questo, appare subito in modo lampante la necessità di utilizzare solo gadget di qualità. Altrimenti si rischia di non ottenere lo scopo voluto attraverso detti oggetti. Non serve che il gadget sia necessariamente molto costoso, anche una semplice matita o uno sticker possono essere considerati come doni importanti. Ma solo se la qualità dei materiali usati, l’originalità del prodotto, l’aggiunta di una personalizzazione in linea con le mode conferiscono al singolo oggetto un aspetto piacevole e di pregio si ottengono tutti gli scopi sopra elencati. Avviene lo stesso, ad esempio, con i sacchetti di carta dei negozi: più sono belli, robusti e con uno stile ben preciso, maggiore è la possibilità che il cliente li riutilizzi più volte. Di fatto portando il marchio dell’azienda in giro per la città.

Quali gadget sfruttare
In realtà oggi le diverse tecnologie di stampa permettono di creare gadget di tantissime tipologie diverse. Si parte dai sopra citati sacchetti di carta, quelli che si consegnano al cliente durante un acquisto e che solitamente non sono percepiti come un dono. Per arrivare poi a gadget che hanno uno scopo decisamente più chiaro, dalle magliette alle tazze per il caffè, dai prodotti di cancelleria per arrivare sino a piccole confezioni di dolci, teli mare, palloncini o sottobicchieri. Solitamente si cerca di utilizzare un gadget al prodotto che l’azienda offre, ma non è sempre così. Anzi, soprattutto durante fiere del settore molte azienda fanno a gara alla ricerca del gadget personalizzato più originale e sopra le righe. Quanto detto vale anche per i gadget offerti ai propri dipendenti: se matite, rotolini di scotch e penne possono essere considerati del tutto necessari, un bel quaderno ad anelli con copertina rigida, o anche una maglietta dell’azienda, sono oggetti che il dipendente tende a percepire come un vero regalo.