Google Plus , modifica del profilo e della privacy

Google Plus , modifica del profilo e della privacy

Come tutti sanno Google ha lanciato il proprio social network, Google Plus, il quale sta avendo un discreto successo in rete. Per poter accedere a Google Plus è necessario possedere un account Google, come ad esempio un indirizzo di posta Gmail, se già ne possedete uno allora sarà sufficiente raggiungere la home page di Google Plus all’indirizzo: http://plus.google.com ed effettuare l’accesso inserendo i propri dati.

Il profilo:

all’interno del profilo su Google Plus vengono raccolte tutte le informazioni che decidiamo di condividere con i nostri contatti, o una parte di essi. Uno degli elementi subito visibili è la barra al centro sotto il nome del profilo, con le seguenti voci:

– Post

– Informazioni

– Foto

– Video

– +1

– Buzz

Una delle voci più importanti per chi intende tutelare la propria privacy è sicuramente “informazioni”, all’interno della quale troviamo appunto tutte le informazioni sul nostro profilo, come l’età, la città in cui viviamo, il nostro lavoro e molto altro ancora.

In ogni momento potrete decidere di modificare i vostri dati, selezionando la voce “modifica profilo” all’interno della scheda, inoltre sarà possibile indicare se rendere i nostri dati visibili o meno, spuntando semplicemente la voce “ricerca profilo” in basso nella pagina.

Selezionando questa voce, il vostro profilo è come se venisse nascosto agli altri, bloccando l’indicizzazione all’interno della ricerca.

Tutte le altre schede si spiegano da sole, come ad esempio Foto e Video, mentre il +1 è possibile equipararlo al mi piace di facebook, infatti quando andremo a selezionare questo pulsante in giro per il web, automaticamente verrà pubblicato sul nostro profilo il link che abbiamo deciso di condividere, e verrà salvato all’interno della scheda.

Sempre per quanto riguarda la privacy, è possibile durante la compilazione dei propri dati personali, decidere con quali contatti condividere queste stesse informazioni, evitando così di dare troppe informazioni a chi non vogliamo, e quindi tutelando meglio la nostra privacy.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.