La plastica negli oceani , l’isola di rifiuti nell’oceano Pacifico

La plastica negli oceani , l’isola di rifiuti nell’oceano Pacifico

Non tutti sanno che nel bel mezzo dell’Oceano Pacifico si è formata nel corso degli anni una vera e propria isola di rifiuti galleggianti grande due volte l’Italia chiamata Pacific Trash VortexNell’area potrebbero essere contenuti fino a 100 milioni di tonnellate di detriti. Un immenso ammasso di plastica e immondizia accumulata nel corso degli anni dalle correnti marine tra la California e le Hawaii.

L’accumulo si è formato a partire dagli anni cinquanta, a causa dell’azione della corrente oceanica chiamata Vortice subtropicale del nord Pacifico (North Pacific Subtropical Gyre), dotata di un particolare movimento a spirale in senso orario, che permette ai rifiuti galleggianti di aggregarsi fra di loro.

Ovviamente gli esseri ad averne la peggio sono gli animali marini, specialmente gli Albatross, che in questa zona sono stimati in circa 200.000, che sorvolando l’immensa distesa di pattume e scambiando i rifiuti per cibo, muoiono così intossicati o soffocati.

Se ciò non bastasse, occasionalmente, improvvisi cambiamenti delle correnti oceaniche provoca la caduta di interi container trasportati da navi cargo, il cui contenuto, va ad alimentare la già gravissima situazione del Pacific Trash Vortex.

Di seguito vi mostriamo un video illustrativo che spiega la situazione attuale presente nell’oceano:

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here