Proteggere gli occhi dalla luce blu-viola

Quotidianamente tutti sono esposti a grandi quantità di luce. Il sole brilla in cielo ogni giorno, per un periodo variabile a seconda della stagione dell’anno. Allo stesso modo ci sottoponiamo alla luce degli schermi dei computer, a quella emessa dai display degli smartphone, alla luce offerta dalle lampade a LED. Negli ultimi decenni si è scoperto che una specifica tipologia di luce, corrispondente a un ristretto intervallo di lunghezza d’onda, risulta particolarmente dannosa. Si tratta della luce blu viola.

Le problematiche della luce blu viola

I problemi causati dall’esposizione continuata e prolungata alla luce blu viola sono correlati soprattutto alla vista. Sembra infatti che alcune patologie correlate con l’invecchiamento degli occhi risultino particolarmente accelerate dalla regolare e costante esposizione alla luce blu viola. È un fenomeno da sempre presente, visto che la luce blu viola fa anche parte dello spettro visibile emesso dai raggi solari. Negli ultimi tempi però il sempre maggiore utilizzo di lampade a LED e di schermi che producono luce blu viola hanno intensificato la problematica. Se vuoi trovare una soluzione a questo problema visita il sito ufficiale Essilor. Sono infatti disponibili in commercio lenti trattate in modo da filtrare in maniera efficace la luce blu viola.

Perché siamo tanto esposti

Le motivazioni che portano la maggior parte della popolazione ad essere particolarmente esposti alla luce blu viola sono varie. A partire, come abbiamo detto prima, dalla massiccia esposizione alla luce prodotta dai dispositivi a LED. Per altro un numero crescente di persone lavora per molte ore al giorno davanti a un computer; inoltre già da bambini o da ragazzi si cominciano ad utilizzare alcuni dispositivi, a volte in modo molto intenso nel corso della giornata. Se si somma questa esposizione a quella “inevitabile” alla luce solare presente all’aperto (ma non solo) la questione diviene sempre più grave con il passare del tempo.

Una protezione per gli occhi

Si deve poi anche considerare il fatto che i nostri occhi tendono a schermare, in autonomia, l’esposizione alla luce solare diretta. Se ci si trova in spiaggia senza occhiali da sole gli occhi si stringono a fessura, in modo da limitare il passaggio dei raggi solari diretti. Con la luce blu viola non si verifica questo tipo di comportamento automatico; il risultato è una maggiore esposizione, che può portare ad accentuare una serie di problematiche correlate al fatto di lavorare davanti a un computer. Come ad esempio la secchezza oculare, la stanchezza visiva e addirittura il mal di testa.

Le lenti che filtrano la luce blu viola

Oggi sono disponibili in commercio lenti trattate per filtrare la luce a specifiche frequenze, come ad esempio quella blu viola prodotta dai dispositivi a LED. Si può effettuare questo trattamento alle lenti degli occhiali da sole, ma anche a quelle degli occhiali da vista. Per chi lavora a lungo con dispositivi elettronici, ma non soffre di particolari disturbi visivi, sono disponibili anche appositi occhiali senza correzione, che comunque filtrano la luce dannosa, consentendo di mantenere gli occhi in salute più a lungo.