Trading di bitcoin: si può fare da casa?

Il trading di bitcoin, che consiste nell’acquisto e nella vendita della moneta virtuale, è una pratica ormai alquanto diffusa, soprattutto per merito del proliferare di piattaforme che mettono a disposizione questa opportunità. I piccoli e medi investitori, di conseguenza, hanno l’occasione di effettuare investimenti più o meno consistenti tentando di ricavare un vantaggio dalle costanti e inevitabili oscillazioni del mercato. come avviene per qualsiasi forma di investimento, tuttavia, anche nel caso del trading di bitcoin è buona norma non affrettare più del dovuto le decisioni: occorre prendersi tutto il tempo di cui si ha bisogno per tenersi informati, magari facendosi aiutare da qualche consigliere.

Quali rischi si corrono

I rischi correlati al trading di bitcoin sono noti, e se non presi nella dovuta considerazione rischiano di provocare la perdita di tutto il capitale che si è deciso di investire. Insomma, vietato prendere alla leggera le vendite e gli acquisti di criptomonete, anche perché nel corso degli ultimi tempi il mercato è cambiato in maniera significativa. I piccoli investitori, oggi come in passato, non devono interessarsi più di tanto al mining massivo, che è a dir poco improponibile per la semplice ragione che non è conveniente dal punto di vista economico: le spese di gestione sono molto elevate, per l’energia ma non solo.

Il trading automatizzato: cos’è?

Clicca qui se sei interessato a conoscere le potenzialità del trading automatizzato: si tratta di una soluzione che solleva gli investitori dall’onere di studiare e spendere un sacco di tempo per informarsi per fare trading. In che modo? Per capirlo si può proporre l’esempio di Bitcoin Blueprint, un’applicazione che è stata concepita e messa a punto per semplificare il trading di monete virtuali: un software che fa della flessibilità il proprio punto di forza, in grado di generare, con i suoi algoritmi all’avanguardia, segnali di trading molto redditizi approfittando di una tecnologia di livello superiore.

La tecnologia blockchain

Un aspetto che è necessario tenere presente, quando si parla di bitcoin e di trading, è quello relativo alla blockchain, che è la tecnologia su cui questa criptomoneta si fonda. Si tratta di una realtà che nel corso degli ultimi anni è stata protagonista di infinite evoluzioni, anche perché essa viene utilizzata da un numero crescente di investitori. Per altro ora la blockchain non è più appannaggio esclusivo delle criptovalute, ma viene utilizzata – per esempio – anche per la gestione di database di grandi dimensioni.

Che cosa resta della bolla del bitcoin

Alcuni anni fa la bolla del bitcoin è scoppiata, e non si può fare finta che essa non abbia lasciato strascichi. In effetti, un sacco di persone ha deciso di investire in un momento in cui non era conveniente farlo, e così il mercato ha finito per gonfiarsi in modo artificioso. Quegli investitori hanno perso i propri soldi perché, in sostanza, hanno voluto entrare di peso in un ambito che, invece, presuppone una conoscenza approfondita e soprattutto molta pazienza.

Come investire nei bitcoin oggi

Se si ha in mente di investire nei bitcoin oggi non si deve commettere lo sbaglio di cominciare con una massiccia immissione di capitale. Per quanto ora il settore sembri essere entrato in una fase di stabilità, il rischio di una bolla non si può mai escludere del tutto. Può essere un’idea utile quella di contattare un professionista degli investimenti, magari per entrare in contatto con prodotti derivati che garantiscano più tutele e meno oscillazioni. I CFD sono gli strumenti su cui puntare, per il semplice motivo che permettono di guadagnare perfino nel caso in cui la quotazione del bitcoin sia in ribasso.